Bloc/Notes

Opriţi Istoria: cobor la prima!   George Popescu   Sentimentul unei schimbări de paradigmă, Citeşte

LA GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA

ZIUA MONDIALĂ A POEZIEI   Alberto Arbasino   PIEȚE ALE ITALIEI   Ah, brava societate civică...   Însă Citeşte

MARTA VESPA

Marta Vespa (ITALIA)   da Il penultimo treno della sera, NOR editore, Citeşte

FRANCESCO DE GIROLAMO

Francesco De Girolamo curățat de amăgiri, într-o fragilă durere ca atunci Citeşte

ROBERTO PAZZI - POEZII / POESIE

ROBERTO PAZZI   Veșnic în așteptarea fericirii     Scriitor prolific și foarte activ, nu Citeşte

FRANCESCO MUZZIOLI

FRANCESCO MUZZIOLI     Nato a Roma nel 1949. Si è laureato in Citeşte

Per Eugenia Serafini

Sguardo a Oriente Piccolo omaggio a Eugenia Serafini   La tigre bianca   Non l’ho Citeşte

ENZO SANTESE

ENZO SANTESE   FESTA SARA’ - Risorgerà forse la corolla dei girasoli ormai la luce Citeşte

ROBERTO PAZZI

Roberto Pazzi Poeme din O ZI FĂRĂ SEARĂ Cu o introducere și Citeşte

MARCO PALLADINI

MARCO PALLADINI     Nato a Roma, scrittore e poeta attivo dagli anni Citeşte

PAOLO GUZZI, POESIE - POEZII

PAOLO GUZZI   Paolo Guzzi, nato a Roma (1940). Vive a Roma Citeşte

MICHELE FIANCO Nel magma di una irrecusabile intimità

MICHELE FIANCO         Nato a Roma nel 1968. Si occupa di comunicazione istituzionale Citeşte

SANDRO SPROCCATI

SANDRO SPROCCATI         Nato a Ferrara nel 1954; è un poeta, teorico Citeşte

Franco Falasca

Franco Falasca 9 October 2020 Autor George Popescu FRANCO FALASCA   L’arcano rispecchiarsi del linguaggio in Citeşte

Franco Fallasca

FRANCO FALLASCA   L’arcano rispecchiarsi del linguaggio in sé stesso     Nato a Civita Citeşte

Claudia Mandi: cronică plastică

Claudia Mandi: În-chipu(i)ri cromatice în resuscitarea artistică a romanității antice (Repere revelatorii Citeşte

Milo De Angelis

Milo De Angelis Dalla raccolta „Alta sorveglianza” /   Din culegerea „Înaltă supraveghere”   „Surâse, Citeşte

Mario Costantini, Ploaia

Ploaia   Ascultă ploaia cade în șiroaie   Pământu-i pregătit și-i de trebuință   Cât asfalt totuși și cât Citeşte

“Bucătăresele” lui Lenin

Restitui aici un articol publicat cu exact 21 de ani Citeşte

Mihai Șora - Dialogul generalizat sau încercare de a raționaliza i-realul

Dacă veritabilul act filosofic nu e (pro­babil) sinuciderea, cum cutezase Citeşte

ROBERTO PAZZI

21 October 2020
Autor

Roberto Pazzi Poeme

din O ZI FĂRĂ SEARĂ

Cu o introducere și traducere  de

George Popescu

Scriitor prolific și foarte activ, nu doar ca poet, prozator (autor al unor multe, faimoase și premiati romane, câștigător al unor diverse și numeroase premii literare, Roberto Pazzi, locuitor al iubitei sale Ferrara, nu recuză nicio formă de scriitură, nici măcar intervențiile publice, în aule, în diverse întâlniri culturale, în tv ecc.

Ne-am cunoscut cu mai bine de douăzeci de ani în urmă, chiar în orașul meu, la Craiova, unde sosea într-un proiect universitar, dintr-o inițiativă a profesorului piemontez Renzo Pavese, dar în acei ani titular la Università per stranieri din Perugia. Cu el se afla și brava scriitoare Carmen Covito și am organizat, cu toții, interesante întâlniri cu publicul, în special cu studenții mei. Și mai mult foarte utile dezbateri despre literatură, dar și despre o largă gamă de subiecte privind lumea, prezentul încă nu atât de fastidioase ca azi.

I-am tradus ceva mai târziu o culegere de poezii, din păcate deja realizată de un coleg al meu italienist de la Cluj.

Pe urmă ne-am revăzut la Penne cu prilejul Premiului Internațional de literatura la care făcea pate din juriul tehnic, însă am schimbat puține fraze, ocupați cum eram fiecare cu diverse sarcini. Mi-ar fi plăcut să traduc vreunul din romanele sale, însă nu mă consider, în afară de un cititor fervent, un traducător de proză, ci mai mult un poet și un eseist, pentru scriitura narativă.

Am citit unele din romanele sale și am evaluat nu doar diversitatea și acuratețea scriiturii, ci și capacitatea sa de a se mișca cu ușurință și o curioasă îndemânare (fruct al unei informări asupra aproape tuturor aspectelor mai mult ori mai puțin utilizabile). Și din acest motiv m-am oprit mai mult asupra poeziei, aprofundând și în confruntare cu linia evolutivă a poeziei italiene și cu experiențele contemporanilor.

Nu știu dacă ar trebui spus că poezia ar putea fi genul predilect al lui Roberto Pazzi, pornind de-ea dreptul de la debutul din 1973 cu Experiențe anterioare, continuând cu alte două volume (Versi occidentali, 1976, și Il re, le parole, din 1980), până la debutul narativ cu Cercando l`Imperatore, din 1985). dar rămâne cert că a continuat și cu versuri, de la Calma di vento, 1987, Il filo delle bugie, 1994 (volumul pe care îl tradusesem și a rămas nepublicat), La gravità dei corpi, 1998, Talismani, 2003, Felicità di perdersi, 2013 și  recenta Un giorno senza sera, din care am pescuit poeziile aici traduse.

Ca poet a câștigat și Premiul Montale, cu Calma di vento, în 1085 și a fost tradus în diferite limbi.

 

 

Dincolo de tăcerea ca emblemă istorică și geografică proprie orașului în are locuiește, Ferara (a lui Ariosto, Tasso, a lui Bassani și Antonioni, pentru care De Chirico a realizat o transfigurare  metafizică (și chiar Pazzi o descrie ca atare: Azi e a mea întreagă / acest oraș al tăcerii, / înalt, pe bancurile de zăpadă la ferestre, / Ferrara e camera mea de dormit), Pazzi manifestă un mare interes și pentru locuri cunoscute ori necunoscute, acestea din urmă fruct al unei îmbelșugate imaginații interferată cu o fantezie care, după opinia mea, constituie drept nodul esențial al întregii sale creații.

Scriind de copil, descoperă propriu-zis iubirea și poate și dispoziția pentru poezie în liceu, cu Montale, cu care a deprins să simtă poezia, cum susține într-un interviu. Totuși, momentul, poate crucial, a fost întâlnirea, la numai 14 ani, cu Vittorio Sereni ce îl determină să publice într-o revistă la 16 an și de aceea îl considera și îl consideră încă părintele său spiritual. Cu cunoscuta sa dispoziție de a ajuta, susține, publica și prezenta pe alții, în special tineri, poeți, același Sereni îl introduce în lumea literară, la vârsta de 23 de ani.

 

 

 

L’eternità dell’erba

 

 

Dicono che ai vecchi

la memoria torna

al passato remoto,

confondono il presente con l’assenza,

rivedono il film da dove erano entrati,

come usava una volta al cinema entrare,

non più ora che la visione

è fatta matematica esatta.

La verità è che gli spunta

l’eternità nella testa,

un rametto ribelle che spacca

la facciata dei palazzi antichi

e diventa un alberello,

con le sue fronde copre

i secoli e gli stili.

E se i passanti non staranno ben attenti

la memoria rovinerà addosso

fatta di pietra eterna.

 

17 septembrie la 17:45

 

Nel giardino dell’università

 

Ancora in carico al mondo

guardo gli studenti camminare

solitario in mezzo a tanti,

cercando le forme che m’ innamorano

la giovinezza e il sorriso

arreso al futuro che avevo

ma è dolce riversare il mio

nel loro e imbarcarmi nel viaggio

appena iniziato per qualche istante

dimenticare chi sono

mimetizzarmi con quel che muta,

inseguire la mente giovane

che guarda e si distrae subito

dal suo libro per una fantasia

lontana che la riposa,

sedotta dal niente

soltanto domani padrona

del tutto che avrà perduto,

in attesa della felicità

un incontro rinviato sempre

per paura del confronto

con chi non ha aspettato

e l’ ha rubata senza pagarla

e se l’è bevuta senza lasciarne

da parte un solo sorso.

Il sapore ho in bocca

dell’ uva dorata

che non si coglie più dal pergolo,

la si lascia a maturare

fino a Natale

e sarà un sorso di un’altra estate perduta.

 

 

 

 

da

 

Un giorno senza sera, antologia personale della sua poesia con testi editi e inediti dal 1966 al 2019, casa editrice „La Nave di Teseo”, 2029.

 

Poesia apocalisse di ogni istante

 

Il mondo sognava di fermarsi

d’interrompere il galoppo verso il nulla,

era il sogno che mi volevi raccontare

ma non ci sei riuscita, stavi male,

hai detto solo sono stanca

te lo dirò domani,

e non hai avuto quel domani,

E’ ormai infinita la promessa,

ora so che avevi fretta, Emilia,

quasi morendo volessi aiutare

il mondo a fermarsi

prima che nemmeno sostare

riuscisse più,

perchè in quel temporaneo fermo

c’è un amore per la vita così grande

da bruciare le parole per dirlo.

Ecco perchè oggi molti parlano

di quel che non sanno,

che invece tu sapevi,

E i molti che non sanno aiutano il mondo

con la loro paura,

non hanno altro.

 

L’amnesia

 

Qualcuno cancella

il gesso delle lettere

sulla lavagna della mente,

quante cose dimentico …

Ma l’amnesia è un’oscura sapienza,

in qualche luogo ritroverò

le forme perdute

pronte a servirmi

come chiavi e valigie

per case che non saranno

le mie celle e viaggi

che non avranno più

l’ansia delle mie partenze.

 

 

I sensi

 

Non so mai come ti chiami

hai un nome diverso

ogni volta mi confondi

e mi fai credere d’essere

una nuova presenza,

un’altra cautela con cui

ti nascondi per salvare i miei sensi

lenti a riconoscerti

rapidi ad amarti.

Subito mi dico

che è per sempre per sempre,

poi mi gioco l’eternità

di quei pochi minuti dei miei sensi

e capisco che sei ancora tu

ed io sono di nuovo io.

Una di questi notti

mi ucciderà non capire

subito chi sei,

la mia lentezza s’aggrava

è senza speranza.

 

Alla luce di Roma

 

La voglia di partire,

la forza di rimanere,

l’immagine del mondo aperta

che m’aspetta,

il tempo che manca all’incontro,

l’ossessione del vuoto da riempire

che si placa,

i nomi dei morti questa notte,

i nati ancora senza nome,

la linea che mi separa

da molti ieri e domani,

la marea che sale e m’arriva al petto,

la linea di costa che muta,

le notizie,lo sciame di parole,

la mente, lavagna sporca

di segni non cancellati,

teatro dove i sogni

sono e non sono sfumati,

incerto lume che al sole

s’offende e si spegne

e poi si riaccende.

Questo va e vieni dagli inferi,

della luce rinnova la fame,

nutre la carne e la rialza,

la separa dall’ombra

che s’era giaciuta con lei

quasi una forma sola.

 

La voglia

 

Quanto soffri in questi giorni, separato? e vita e morte sembrano toccarsi, Marisa … 

 

E questa voglia antica

che mai si spegne

col passare degli anni,

come farò come farò domani?

Chi di un vecchio ancora ragazzo

perdonerà l’antica brama?

 

 

Tana libera tutti

 

Sale dalle finestre

la voce delle persone,

il mondo torna paese,

quasi fosse il posto della favola

dove la bella s’addormenterà.

E la strega sogna che non si sveglierà

che il principe

questa volta non verrà.

Ma la morte non ha signoria

se la paura volge nel gusto

di rubare la vita.

Un giorno, un giorno solo

com’era prima

non vale un minuto di questo

bel piacere di resistere

e per una sola manciata di secondi

vincere la sfida

e ascoltare la voce del principe:

tana libera tutti!

 

Amo il vento

 

rinnovando il sì alla vita, augurando buona Pasqua

 

Amo il vento,

non sto mai fermo,

per esaudire il desiderio

di una stretta che non dura.

Tutta la carne finisce in memoria,

resta su cuscini e letti

la tenera forma che corre a rivestirsi,

è già lontana a rimirarsi nelle vetrine,

a riversare la sua voglia

di appartenere a un’altra forma,

la tua,

che ancora non so

quanto è dolce da baciare.

 

 

Da un belvedere della val di Magra

 

Se “i veri paradisi sono quelli perduti” ( Proust),

Una volta, io lo so,

qui c’è stata la gioia.

L’aria ne trema ancora.

Ancora non si è spento lo stupore

della valle

a vedersela un giorno andar via.

 

Ode all’aria

 

E pure anche il silenzio finirà,

così l’onda innamorata

muore stremata sulla riva.

E pure perderemo i giorni bianchi

dove nessuno vende più le cose

e le cose sono,

tenere, innocenti,

non sanno quanto belle.

In cielo tornato a splendere

il sole accarezza la terra,

gli uccelli solcano l’azzurro,

l’aria non li stecchisce più,

Inimitabile la vita si rinnova

ogni mattina si aprono gli occhi

e la carne che non stringiamo più

chiama, chiama,

così un dio ama.

Occorre imparare ancora l’aria,

così i pesci a fitte di memoria

ricordano il cielo in fondo al mare.

 

Tutti lo pensiamo …

“Se potessi tornare”

 

In che tempo vorresti,

ancora nel tuo? in quello prima?

Per quel che mi spetta

vorrei la vita nuova solo

in un tempo sconosciuto che verrà,

per non perdere la sorpresa

di quel che capiterà,

senza suggeritore, nè copione,

tutta quanta da imparare,

con la punteggiatura ancora

da segnare, incolta e ribelle,

una vita in libertà,

da educare e reinventare,

mentre avanza incerta nel futuro.

In quel buio ribacerei la stessa bocca?

Ma quando si abbraccia una donna

che è stata d’altri prima,

i suoi amanti non tornano mai

a reclamarla,

è sempre la prima volta.

 

I versi che mi sono appena venuti, freschi, feriti come tutti noi in attesa …

 

 

L’amante

 

Cercavo un libro e non lo trovavo

nascosto fra i tanti e pure

l’avevo letto con amore,

stavo già rinunciando a trovarlo,

quand’eccolo apparire,

invisibile in seconda fila,

ecco Cecità di Saramago parlarmi …

Devi chiudere gli occhi

e s’aprono quelli della mente,

dove s’allarga il mondo

che sta tutto in poche parole.

Non fu Dio a creare dalle tenebre la luce

con due parole sole, fiat lux?

Così nel rinvio dalla cecità alla luce,

attraversando la notte amica

s’aspetta l’amante.

 

La mosca di Gravina

 

 

Vasto il desiderio del mondo, non il mondo …

ripropongo i miei versi s’ una mosca,

non so se sia nella mia mente o a mille chilometri da me …

 

Una mosca invade la mia testa

cerca un’uscita, ingannata

prende il tuo viso per il mio.

Esplora i tuoi lontani capelli,

le tue labbra,

le tue ciglia,

poi si abbassa sulla punta del tuo naso

e tu subito ti gratti,

a mille chilometri da me.

L’hai sentita,

l’hai sentita

che ti prega

che le apra

la tua testa.

Sono io,

sono io

non mi scacciare,

tienmi dentro,

non mi far volare più!

 

Al risveglio

in questa immobilità possiamo almeno nel sonno viaggiare,

recuperiamo questo consapevole piacere  …

 

Mi sveglio e dall’altra parte

del mondo se ne vanno a dormire.

C’è sempre qualcuno in viaggio

per entrare dove sto uscendo,

come la compagnia di musicanti

che ho sognato, dal nord

in cammino verso il sud.

Appena li ho salutati

la dolcezza della lingua

mi ha tradito:

ero il paese dov’erano

felici di svegliarsi

insieme a tutti i paesi

addormentati di questa

metà del mondo.

Sono una cava di sogni

ancora da sfruttare

per i lavoratori della notte,

un campo di grano

per chi questa notte

ha fatto il pane.

 

 

In questi giorni ogni minimo accadimento ha un significato diverso, bisogna saper leggere i messaggi che le cose inviano …

 

Per caso questa mattina

ho ritrovato la chiave della bicicletta,

non la cercavo più da vari giorni,

mi molestava quel pensiero,

ma a un tratto, una mattina di grazia

la memoria d’una tasca

dove poteva essere s’ è accesa.

Ed era lì che mi aspettava.

Così tornerà un’altra chiave

di cui abbiamo scordato tutti il nome

come in una canzone

di cui resta il ritmo

ma abbiamo perduto le parole.

Nulla si perde se non per tornare

a una fitta più alta di memoria,

l’atto d’amore

che evoca all’improvviso le parole.

Canta in cuore solo la musica,

ma poi il miracolo avviene,

parole e musica tornano a baciarsi.

 

La speranza

 

Meglio non chiamare nessuno,

sentire l’eco della sua voce

dentro la mente libera,

splendida conchiglia morta

dove l’animale fu felice.

Le camere vuote della mente

sanno l’odore della felicità,

asettici giardini

dove ogni giorno la memoria

spunta rami ribelli

e tormenta le erbe più alte.

Disordine preme le aiole,

le salva il desiderio

di mantenere la geometria

dell’incontro.

Così la mia vita è tregua

fra opposte volontà,

giardino tentato

che sogna il deserto.

 

 

Lo stilita

 

La fermata, prova generale dell’ altra, ci farà rifondare la vita …

 

Quassù, stilita dalla testa

in cielo e i piedi sulla terra,

a poco a poco dimentico la salita,

il mio non fare nulla

è sempre più leggera cenere

dei giorni che appena sento

fra le dita, polvere

che lasciano le farfalle

se le imprigioni nella mano,

una farina d’oro che dona

la forza di volare.

Cercare dovevo prima

questo regno dei cieli.

 

 

 

 

da Un giorno senza sera, La Nave di Teseo, pag.169

 

*

 

 

La quercia di Tricase

 

(davanti alla secolare quercia di Tricase, nelle Puglie, foto scattata da Alessandro Turco)

 

Restare a casa,

ma qual è la nostra casa?

quella di mattoni?

o la mente, l’anima, lo spirito,

la casa che ha sempre nomi diversi …

Qualcuno manda un messaggio,

cerchiamo di leggerlo

intanto che si ferma la corsa.

Virus è veleno,

un po’ di morte nella vita,

a risanare le radici

della vita malata.

 

*

Appena letta Fahrenheit rai 3, “E’ ancora estate”, inno alla vita in controtendenza al momento, inno all’estate che ci libererà dal male !

 

 

E’ ancora estate, il miele

della luce distilla la mia vita

tremante sull’orlo della felicità,

tentata di fermarsi così

finita e non finita

ma all’infinito amata.

Oh ripeterei tutto,

parola per parola,

carezza per carezza,

errore per errore,

mia tenerissima colpa

di chiederti sempre

e non attendere mai,

mio tormento di crederti ogni volta

senza imparare mai.

Che la tua maschera non cada ancora

è la preghiera a Dio, questa sera.

 

( Appena scritta, pensando a quel che ci sta impaurendo)

Siamo i più forti

 

Non è la fine del mondo,

il nostro è un dramma senza finale.

Una verità si conosce

per indizi, sospetti, paure

non si beve solo d’un fiato.

Se abbiamo impiegato millenni

ad arrivare fin qui,

un passo alla volta,

un giorno alla volta,

vuol dire che dovevamo arrivarci

e che le forze son maturate

per vincerlo insieme al male,

non un anno fa, non un mese fa,

solo adesso doveva accadere,

non un attimo prima.

E quelli che sono morti

come quelli che devono nascere ancora,

ci donano la loro assenza,

per essere più forti,

loro non ce l’avrebbero fatta.

 

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Arhiva

October 2020
M T W T F S S
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031